Cosa sono i Bridge?

bridge

Blockchain EVM e non EVM

Negli ultimi anni sono nate numerose blockchain diverse, ognuna con la sue caratteristiche e compatibilità.

In particolare possiamo dividere le blockchain in due famiglie principali: le chain EVM compatibili e non EVM compatibili. L’EVM (Ethereum Virtual Machine) è la macchina che permette agli smart contract di Ethereum di girare.

Oltre a Ethereum anche altre chain sono compatibili con l’EVM, questo significa che una DApp scritta per la chain ETH può girare allo stesso modo sulla chain Avalanche, per esempio, oppure Binance Smart Chain.

Le chain EVM compatibili hanno tutte l’indirizzo del wallet che inizia con 0x, utilizzano Solidity come linguaggio di programmazione e sono compatibili con MetaMask.

Le chain non EVM (per esempio Polkadot o Solana) hanno un ecosistema completamente diverso, quindi non sono compatibili con MetaMask, gli smart contract sono scritti in vari linguaggi di programmazione (Solana per esempio utilizza Rust) e gli address sono diversi.

A cosa servono i Bridge?

L’esistenza tra tutte queste chain porta alla necessità di doversi muovere tra una e l’altra: da questa esigenza nascono i bridge. Dato che ogni chain è, per definizione, indipendente da qualsiasi altra chain per poter far passare dei token da una chiain all’altra ho bisogno di un intermediario, chiamato appunto bridge.

Se voglio trasferire 1 ETH da un indirizzo 0xFoo a 0xBar, su Ethereum, devo effettuare una normale transazione senza bisogno di alcun bridge.

Se invece voglio trasferire 1 ETH da 0xFoo sulla rete ETH a 0xFoo sulla rete Avalanche ho bisogno di un bridge, analogamente ho bisogno di quest’ultimo se voglio trasferire da 0xFoo a terraFoo.

N.b.: a partire da un seed, l’indirizzo per tutte le reti EVM compatibili è esattamente lo stesso. MetaMask infatti, a parità di wallet, fornisce lo stesso indirizzo per Eth, Avalanche, BSC e tutte le eventuali reti EVM compatibili.

Funzionamento

Per esempio assumiamo di voler far passare USDC (token ERC20) da dalla chain Ethereum alla chain Binance Smart Chain quindi token BEP20. Un bridge è analogo ad un pool di liquidità contenente i due collaterali che voglio “scambiare”: quando riceve i token USDC ERC20 li terrà per se e invierà al wallet di destinazione i corrispettivi token BEP20.

Un bridge ovviamente funziona se possiede i due collaterali, analogamente ai pool di liquidità.

Tipologie di Bridge

CEX – Centralized Exchange

Gli exchange centralizzati come Binance, FTX o crypto.com sono anche dei bridge in quanto permettono di depositare e prelevare sulle varie chain ed effettuare tutti gli swap che mi servono. Qualora un CEX non abbia il token che mi interessa potrei potenzialmente combinarli tra di loro: per esempio depositare euro su Crypto.com, convertirli in USDT, passarli a Binance, convertirli in Luna e caricarli su Terrastation.

Bridge Multichain

Questi bridge sono piattaforme decentralizzate che tipicamente possiedono una grande quantità di coin e di chain. Il bridge più famoso è Multichain per lo scambio di token cross-chain in ambito EVM.

Qualora il token sulla chain di destinazione non sia compatibile ne viene fornita una versione wrappata come, per esempio, il famoso WBTC. Per esempio ETH sulla rete Ethereum è una coin ma non sulla rete Avalanche, nella quale la coin è AVAX. Per avere ETH sulla rete Avalanche ne viene fornita una sua versione ERC20, che è, appunto, WETH.

RenBridge

RenBridge permette di ottenere la versione “ren” del token in questione su qualsiasi chain. La comodità del token ren è che c’è molta liquidità, quindi è sempre possibile scambiarlo poi successivamente nel token che voglio.

Per funzionare RenBridge mi fornisce un address temporaneo per 35 ore dove andare a caricare la crypto in questione; una volta ricevute esso accrediterà lo stesso valore in renToken nell’address della blockchain di destinazione.

Viene utilizzato principalmente per BTC in quanto renBTC è utilizzatissimo.

WormHole

WormHole bridge è stato creato per Solana. Esso converte il token nella sua versione whToken nella blockchain di destinazione. Tutte le piattaforme basate su Solana accettano e swappano il token “wh”

Terra Bridge

Terra Bridge permette di spostare un qualsiasi token del mondo Terra (Luna, USD, Anchor) nelle chain compatibili

Celer Bridge

Celer Bridge è un bridge layer 2 su Ethereum, quindi permette di spostare token nelle chain EVM come Polygon, BSC ma anche Arbitrum e Optimism.

Indice

Share
Ultimi articoli
Join

Newsletter

Nessuno spam, solo articoli interessanti ;)

Focus

Post correlati

solidity

Introduzione a Solidity e EVM

Solidity è un linguaggio orientato agli oggetti pensato per implementare smart contract sulla blockchain Ethereum e in particolare sulla Ethereum Virtual Machine (EVM). E’ un

polygon

Appunti su Polygon

Polygon (ex Matic) nasce come blockchain per risolvere i soliti problemi legati ad Ethereum: la scalabilità (lento e fee elevate) e la interoperabilità (compatibilità solo

Codice Pragmatico

Contatti

Per informazioni, dubbi o consulenze non esitate a contattarmi.

Lascia un messaggio

Ricevi le ultime news

Iscrivi alla newsletter

Solo articoli interessanti, promesso ;)