Cambio di permessi su file

1. Introduzione

In questo articolo fornirà una breve spiegazione di tutti i metodi comodi che vengono forniti da linux (o genericamente da sistemi unix-like) per la modifica dei permessi su file o cartelle.

Conoscere bene questi comandi permette di ridurre notevolmente i rischi di sicurezza per i nostri sistemi.

2. Chmod

Lo scopo del chmod (che sta per Change Mode) è cambiare i permessi a file o directory.

La sintassi è analoga ai seguenti pattern:

chmod [OPTION]… MODE[,MODE]… FILE…
chmod [OPTION]… OCTAL-MODE FILE…
chmod [OPTION]… –reference=RFILE FILE..

2.1 Opzioni

Si può cominciare con l’opzione che voglio implementare: le più famose sono:

  • -v (verbose): mostra l’oggetto che sto modificando
  • -R (recursive): include anche i file presenti nelle sottocartelle
  • -f (force): ignora gli errori e continua ad applicare il comando anche in presenza di questi.

2.2 Modi

In linux, esistono 8 tipi di permessi diversi:

  • 0: nessuna
  • 1: solo esecuzione
  • 2: solo scrittura
  • 3: scrittura ed esecuzione
  • 4: solo lettura
  • 5: lettura ed esecuzione
  • 6: lettura e scrittura
  • 7: lettura, scrittura ed esecuzione

Con chmod, questi modalità sono definite in formato ottale, quindi con numeri che vanno da 0 a 7 (come indicato nell’elenco indicato sopra)
Il chmod prevende l’inserimento anche di un numero iniziale opzionale che serve per indicare flag speciali e successivamente di tre numeri che indicano rispettivamente i permessi per il possessore del file, per il gruppo a cui appartiene l’utente e agli utenti che sono fuori a tale gruppo.

Di seguito qualche esempio utile:

  • 400: Allows read exclusively by the file owner.
  • 040: Allows read exclusively by group members.
  • 001: Allows other users to execute

2.2.1 Il chmod 777

Eseguire un chmod 777 su un file o una directory può portare a gravi problemi di sicurezza sul server gestito, in quanto fornisce permessi globali a chiunque riesca ad accedere a tale server.

E’ molto meglio, per esempio, un chmod 775 in modo da evitare, eventualmente la scrittura all’utente generico o, ancor meglio, chmod 774 che fornisce permessi in sola lettura.

2.2.2 Il chmod 664

Questa configurazione di chmod è da evitare quando ho a che fare con delle cartelle in quanto ho bisogno dei permessi di esecuzione per potervi accedere.

2.3 Suggerimenti

Indico qui un elenco di cose da tenere a mente riguardo tale comando:

  • Se devo listare cartelle o sottocartelle, necessito del permesso di lettura
  • Per accedere ad una cartella ho bisogno dei permessi di esecuzione
  • Posso dare permessi diversi a cartelle e file ricorsivamente tramite il comando file (che meriterà un approfondimento a parte in futuro): find . -type f -exec chmod 640 {} \; for files and find . -type d -exec chmod 750 {} \;

3. chown

Il comando chown (Change Ownership) viene utilizzato per cambiare il possessore di un determinato file, che può essere un utente singolo o un gruppo.

La sintassi è la seguente:

chown owner-user file
chown owner-user:owner-group file
chown owner-user:owner-group directory
chown options owner-user:owner-group file

Per esempio, assumiamo di avere il file demo.txt che, lanciando il comando ls -l, fornisce le seguenti informazioni:

-rw-r--r-- 1 root root 0 Aug 31 05:48 demo.txt

che indicano che l’utente proprietario del file è root, mentre il gruppo proprietario è allo stesso modo root.
Ora cambiamo il proprietario del file, da root a vivek:

chown vivek demo.txt

Il file ora si presenta così:

-rw-r--r-- 1 vivek root 0 Aug 31 05:48 demo.txt

Se nel comando chown indichiamo il nome utente, seguito da un due punti e seguito dal nome di un gruppo, posso cambiare sia l’utente che il gruppo, come nel seguente esempio:

chown vivek:vivek-group demo.txt

che fornisce

-rw-r--r-- 1 vivek vivek-group 0 Aug 31 05:48 demo.txt

Per modificare solo il gruppo proprietario e non l’utente, è necessari lasciare vuoto lo spazio prima dei due punti (ma indicarli lo stesso), come nel seguente esempio:

chown :vivek-group demo.txt

Questo comando presenta una opzione per il cambiamento ricorsivo (-R), per esempio assumiamo di voler cambiare il proprietario della cartella /foo e di tutti i file ivi contenuti:

chown -R vivek /foo

4.chattr

Chattr (Change Attribute) è un comando che permette di assegnare certi attributi ad un file nei sistemi linux per evitare che questi possano essere modificati o eliminati, anche se l’utente che cerca di apportare tali modifiche è l’utente root.

Questo comando è particolarmente utile quando

  • voglio proteggere file sensibili come passwd o shadow files
  • voglio evitare che un file sia modificato da script o servizi esterni di cui non conosco il comportamento

Il comando ha la seguente sintassi:

chattr [operator] [flags] [filename]

4.1 Attributi e flag

Di seguito indico i principali attributi e flag che possono essere settati o meno usando il comando chattr:

  • i (immutable): il file non può essere modificato in alcun modo, quindi non può essere rinominato, linkato, eseguito e scritto. Solo il superuser può rimuovere tale attributo
  • a: il file può essere scritto solo per appendere dati a quanto è già presente, senza che questo possa invece essere toccato in alcun modo, ne eseguito o letto.

4.2 Aggiungere un attributo

Come esempio, creiamo la cartella demo e il file important_file.conf.

La cartella e il file hanno tutti i permessi di lettura e scrittura (chmod 777).

# ls -l
drwxr-xr-x. 2 root root 6 Aug 31 18:02 demo
-rwxrwxrwx. 1 root root 0 Aug 31 17:42 important_file.conf

Per settare un attributo utilizziamo il segno +, mentre per rimuoverlo utilizziamo il , in questo caso rendiamo il file immutabile, prevenendone l’eliminazione anche dall’utente root, tramite il comando +i.

chattr +i demo/
chattr +i important_file.conf

Il bit di immutabilità +i può essere settato solo dal superuser o da un utente con privilegi sudo.

Una volta che l’attributo èstato settato, non è possibile in alcun modo ne modificare ne eliminare il file o la cartella

# sudo rm -rf demo/
rm: cannot remove demo/: Operation not permitted
# sudo mv demo/ demo_alter
mv: cannot move demo/ to demo_alter: Operation not permitted
# sudo chmod 755 important_file.conf
chmod: changing permissions of important_file.conf: Operation not permitted

4.3 Rimuovere un attributo

Per rimuovere un attributo basta impostare il comando con il segno al posto del segno +.

# chattr -i demo/ important_file.conf


Per approfondire segnalo:

Indice

Share
Ultimi articoli
Join

Newsletter

Nessuno spam, solo articoli interessanti ;)

Focus

Post correlati

chroot cggroups namespaces

Chroot, cgroups e namespaces

Introduzione Studiando i container spesso vengono citati chroot, cgroups e namespaces. Vediamo di capire meglio cosa sono e perché è così importante capirne il funzionamento.

container

Cosa sono i container?

Introduzione Nel modo tradizionale di sviluppo le applicazioni giravano su un determinato server utilizzando tutte le risorse che questo metteva a disposizione. Lanciando n applicazioni

Come utilizzare grep awk e sed

In questo articolo tratto in maniera estremamente introduttiva i tre comandi fondamentali per l’elaborazione dei file in linux, estremamente utili per la ricerca e l’elaborazione

Codice Pragmatico

Contatti

Per informazioni, dubbi o consulenze non esitate a contattarmi.

Lascia un messaggio

Ricevi le ultime news

Iscrivi alla newsletter

Solo articoli interessanti, promesso ;)