Modificabilità degli oggetti

1.Introduzione

Definire le proprietà di modifica di un oggetto è molto importante per una buona programmazione orientata agli oggetti.

In questo capitolo definiamo le propietà che si possono definire agli oggetti per limitarne la loro modifica.

2. Variabili const e readonly

Per definire variabili che non cambiano mai di valore, il C# fornisce due possibilità, const e readonly.

Un campo const viene valutato quando il programma viene compilato e quindi una sola volta, per esempio la seguente variabile

const long MS_PER_DAY = 1000 * 60 * 60 * 24;

viene sostituita dal valore 864000000 quando il programma viene compilato, conseguentemente la moltiplicazione viene eseguita una sola volta.

La parola chiave readonly invece è più generica, può essere applicata ad ogni tipologie di variabile e valutata sempre una sola volta runtime.

Tipicamente, un campo readonly viene valutata o quando ho il class loading (nel caso di attributi statici) oppure quando creo una nuova istanza della classe.

Non devo usare il readonly solo per i campi che assumono valore costante a priori, posso definire readonly tutti i campi che una volta che il loro valore è stato assegnato, non possono essere più cambiati, anche se questo valore può variare ad ogni istanza dell’applicativo.

3. Classi sealed e metodi virtual

Analogamente alle variabili, anche i metodi possono essere definiti come immutabili.

Dato che, a differenza del Java, nel C# è obbligatorio usare la parola chiave virtual per poter derivare da un metodo (nella programmazinoe ad oggetti, un override di un metodo è analogo ad un cambiamento dello stesso), tutti i metodi che non sono virtual sono implicitamente non modificabili.

Per specificare che una classe intera non può essere modificata, utilizzo la parola sealed, che indica che nessuna classe può derivare da quest’ultima.

Anche se può sembrare ordinato scrivere più classi possibili sealed e meno metodi possibile virtual (analogamente a rendere più oggetti possibile private), spesso non è la soluzione migliore.

Una classe sealed, come un metodo non virtual, non potranno essere derivati, conseguentemente nessun programmatore potrà migliorare o riutilizzare il codice scritto nella propria libreria. Dato che spesso non si sa la direzione che prenderà il codice o il progetto, è sempre necessario prestare attenzione all’utilizzo di questi modificatori.

4. Approfondimento: Differenza tra abstract e virtual

Per poter comprendere meglio questo articolo, espongo qui la differenza tra un metodo virtual e uno abstract.

Una funzione astratta tipicamente non ha corpo, ne ovviamente funzionalità. in pratica sto dicendo che la classe figlia deve fornire la sua versione del metodo in quanto implementarlo nella classe padre è impossibile.

Una funzione virtuale invece significa che esiste una funzionalità anche a livello di classe padre che, nel caso in cui non vi sia un override verrà utilizzata, ma che questa potrebbe essere non sufficentemente completa per le implementazioni delle classi figlie, conseguentemente la classe padre permette un eventuale override.

Conseguentemente un metodo astratto è conseguentemente virtuale.

Una conseguenza di questo è che un metodo astratto può essere indicato solo in una classe astratta (il compilatore fornisce errore se dichiaro un metodo astratto in una classe non astratta); un metodo virtuale invece può essere dichiarato sia in una classe normale che astratta.

Indice

Share
Ultimi articoli
Join

Newsletter

Nessuno spam, solo articoli interessanti ;)

Focus

Post correlati

semaphoreslim

SmaphoreSlim 101

SemaphoreSlim è una classe che permette la sincronizzazione di n thread che hanno una risorsa (scarsa) condivisa limitandone l’uso ad un numero massimo.

interlocked

Interlocked 101

La sincronizzazione dei thread è un elemento fondamentale nella programmazione asincrona, ne ho infatti parlato in vari post. La soluzione più versatile è sicuramente utilizzare

event

Come testare gli eventi

Testare che degli eventi siano stato effettivamente lanciati in C# non è immediato. Tipicamente è possibile testare che un evento venga lanciato aspettando un ManualResetEvent

Codice Pragmatico

Contatti

Per informazioni, dubbi o consulenze non esitate a contattarmi.

Lascia un messaggio

Ricevi le ultime news

Iscrivi alla newsletter

Solo articoli interessanti, promesso ;)