Cosa vuol dire passaggio per valore o per riferimento?

passaggio valore riferimento

Introduzione

In questo articolo approfondisco una parte fondamentale della programmazione: il passaggio di parametri, con particolare riferimento al linguaggio C#.

In molti linguaggi, sopratutto compilati, è possibile passare argomenti a parametri di funzioni per valore o per riferimento.

Questo articolo è una parziale traduzione di un vecchio articolo di Jon Skeet che si trovava in qui e ora si può reperire solo su WebArchive; questo mio lavoro servirà quindi anche come backup per il futuro.

La conoscenza di questa differenza e la sua padronanza è indispensabile per una buona programmazione.

Un ottimo esempio della differenza tra i due l’ho trovata spiegata in questa domanda di StackOverflow: assumiamo che io voglia condividere una pagina web con te: se ti fornisco l’url della pagina sto facendo un passaggio per riferimento, infatti se la pagina cambia entrambi vediamo gli stessi cambiamenti. Qualora tu elimini l’url non stai eliminando la pagina in se, ma solo il modo che tu hai per accedere a tale pagina.

Se invece stampo la pagina su un foglio e te lo fornisco, allora sto effettuando un passaggio per valore: la tua pagina è disconnessa dall’originale, le modifiche che tu effettui o che vengono effettuate sull’originale, non vengono rilevate.

Tipi di variabile: referenza e valore

In C# esistono due insiemi di tipi di variabili: i tipi per referenza e i tipi per valore.

Tipi per referenza (reference types)

Un tipo per referenza è un tipo che ha come valore il riferimento ai dati invece che i dati stessi. Per esempio, consideriamo il codice seguente:

StringBuilder sb = new StringBuilder();

In questa riga di codice abbiamo dichiarato una variabile sb, creato un nuovo oggetto StringBuilder e assegnato a sb un riferimento a tale oggetto.

Il valore di sb non è l’oggetto stesso, ma la sua referenza, come si può capire dall’esempio seguente:

StringBuilder first = new StringBuilder();
first.Append("hello");
StringBuilder second = first; // second è un puntatore alla stessa area di memoria di first
first.Append(" world");
Console.WriteLine(second); // Scrive ciò a cui punta first, cioè "hello world"

E’ importante sottolineare che le due variabili first e second sono variabili indipendenti, se first puntasse a una nuova area di memoria second punterebbe ancora alla vecchia area di first, come si vede da questo esempio:

StringBuilder first = new StringBuilder();
first.Append("hello");
StringBuilder second = first;
first.Append(" world");
first = new StringBuilder("goodbye"); // ora first punta ad un nuova area di memoria
Console.WriteLine(first); // Prints goodbye // quindi scrive "goodbye"
Console.WriteLine(second); // Still prints hello world // second punta ancora all'area di memoria originale e conseguentemente scrive "hello world"

Tipi per valore (value types)

Le variabili di tipo per valore contengono direttamente i dati e non c’è quindi un livello intermedio di puntatore -> dati. L’assegnamento di una variabile di questo tipo presuppone che tutti i dati vengano copiati.

Per esempio, consideriamo la seguente struct

public struct IntHolder
{
    public int i;
}

Quando lavoro con una variabile di tipo IntHolder, questa contiene tutti i dati (nel caso seguente un valore intero). Un assegnamento copia il valore, slegandolo dalla variabile iniziale

IntHolder first = new IntHolder();
first.i = 5;
IntHolder second = first; // second punta ad una nuova area di memoria contenente tutti i dati di first
first.i = 6;
// La linea seguente scrive "5", non è influenzata dalla modifica
Console.WriteLine (second.i);

Tutti i tipi semplici, compresi gli struct e gli enum (ma non string) sono tipi per valore.

Il tipo string è un tipo particolare in quanto spesso si comporta come se fosse un tipo per valore invece è un tipo per referenza a tutti gli effetti. Questi tipi di oggetti sono detti tipi immutabili, che significa che una volta che è stata creata un’istanza di questi, non può più essere cambiata. Questo permette ad un tipo per referenza di comportarsi in maniera simile ad un tipo per valore in quanto posso passarlo a dei metodi black box ed essere sicuro che questi non ne possano cambiare il valore.

Le tipologie di passaggio di parametri

In C# esistono quattro differenti tipologie di parametri:

  • value parameters: default;
  • reference parameters: parola chiave ref;
  • output parameters: parola chiave out;
  • array parameters: parola chiave params.

Per un approfondimento sui parametri di metodo vedi questo articolo.

E’ possibile utilizzare qualsiasi di questi parametri sia con tipi di riferimento che valore.

E’ sempre importante sottolineare che un conto è se un tipo di dato è un reference type o value type, un altro conto è se il passaggio di un determinato parametro ad una funziona avviene per riferimento o per valore, sono due concetti diversi.

Value parameters

I parametri passati alle funzioni sono, di default, value parameters.

Questo significa che viene creata una nuova area di memoria per la variabile dichiarata nella firma della funzione e questa area viene inizializzata con il valore che specifichi nell’invocazione della funzione.

Questo è il comportamento di default della maggior parte dei linguaggi.

Se la funzione chiamata modifica questo valore la funzione chiamante non potrà vedere questa modifica.

Questo è un punto particolarmente delicato, sopratutto in C#: nel seguente codice una classe (reference type) viene passato ad un metodo; all’interno del metodo viene assegnata a null: questa modifica non si riflette all’esterno. Perché?

void Foo (StringBuilder x)
{
    x = null; // x ora punta a null
}

StringBuilder y = new StringBuilder();
y.Append ("hello");
Foo (y);
Console.WriteLine (y==null); // False. y non è stato modificato

Se invece nel metodo Foo non ho un assegnamento a null ma ho una modifica ad una property questa invece viene riflessa anche all’esterno:

void Foo (StringBuilder x)
{
    x.Append (" world"); // x (che punta alla stessa area di memoria di y
}

StringBuilder y = new StringBuilder();
y.Append ("hello");
Foo (y);
Console.WriteLine (y); // print "hello world"

Questo comportamento, all’apparenza contraddittorio, è invece perfettamente coerente: l’affermazione “in C# gli oggetti complessi (come le classi) sono passati per riferimento e mai per valore” è estremamente confusionaria (come suggerito da Jon Skeet) in quanto l’affermazione corretta sarebbe “i di default i riferimenti agli oggetti sono passati per valore”.

Infatti nell’esempio sopra è evidente che il riferimento alla variabile y viene copiato nella variabile x (passaggio per valore) ma, essendo un riferimento, la modifica alle property di x all’interno del metodo si riflette nella variabile x fuori dal metodo.

Di conseguenza è evidente che impostare x a null non porta a nulla sulla variabile y in quanto x è una variabile diversa il cui riferimento è stato copiato da y.

Reference parameters

I reference parameters non passano il valore della variabile ma direttamente la variabile effettiva: invece di creare una nuova locazione di memoria viene utilizzata la stessa del chiamante.

Utilizzando questi parametri ogni modifica che avviene all’interno del metodo (anche l’indirizzo a cui punta la variabile) si rifletterà all’esterno.

In C# i reference parameters devono essere esplicitati usando la parola chiave ref nella dichiarazione del metodo:

void Foo (ref StringBuilder x)
{
    x = null; // x === y, quindi impostare a null viene riflesso anche sul chiamante.
}

StringBuilder y = new StringBuilder();
y.Append ("hello");
Foo (ref y);
Console.WriteLine (y==null); // True

Ovviamente è possibile anche passare un value type (come uno struct) per reference: in questo caso i valori non vengono copiati e conseguentemente ogni modifica si riflette anche all’esterno:

void Foo (ref IntHolder x)
{
    x.i=10;
}
IntHolder y = new IntHolder();
y.i=5;
Foo (ref y);
Console.WriteLine (y.i); // Scrive 10

Combinazioni

Come abbiamo visto ho due tipologie di tipi di dato (referenza e valore) e due tipologie di passaggio di parametri (referenza e valore), vediamo quindi le 4 combinazioni possibili:

Value types passati per valore

Questo è il comportamento di default quando viene passato un value type ad una funzione: viene creata una nuova variabile, copiato tutto il contenuto della prima e passata all’interno del metodo.

Ogni modifica all’interno del metodo non si riflette all’esterno.

Value types passati per referenza

Utilizzando la parola chiave ref posso passare per referenza anche un value type: non ho alcuna copia e la variabile che uso all’interno del metodo è la stessa del chiamante: qualsiasi modifica viene riflessa.

Reference types passati per valore

Questo è il comportamento di default anche per i reference type: viene creata una nuova variabile e viene copiato l’indirizzo a cui punta la variabile del chiamante.

Le modifiche alle property dell’oggetto si riflettono all’esterno (puntano entrambe le variabili alla stessa cosa) ma un eventuale assegnamento ad una nuova area di memoria non viene riflesso.

Reference types passati per riferimento

Il comportamento è analogo ai value type passati per riferimento: viene passato un puntatore e tutte le modifiche interne al metodo vengono riflesse all’esterno.

Differenze tra i linguaggi

Non tutti i linguaggi permettono entrambe le modalità di passaggio dei parametri, di seguito indico i linguaggi più comuni e la sintassi per il passaggio di parametri per valore o referenza.

LinguaggioPassaggio per valorePassaggio per referenza
Ccall_by_value(int p)call_by_reference(int & p)
C++call_by_value(int p)call_by_reference(int & p)
C#call_by_value(int p)call_by_value(int ref p)
Javaogni cosa in Java è passata per valore
Pythonogni cosa in Python è passata per valoreindirettamente, tramite i mutable objects
PHPcall_by_value(int $p)call_by_reference(&$p)
Javascriptogni cosa in Javascript è passata per valore
Matlabogni cosa in Matlab è passata per valore

Come si può notare spesso i linguaggi interpretati non offrono la possibilità di poter passare una variabile ad un metodo per referenza (tranne il PHP), mentre i linguaggi compilati puri (come il C o il C++) e i compilati su bytecode (come il Java o C#) offrono tale possibilità.

Approfondimento: ref struct

Le struct “ref” sono un costrutto introdotto in C# 7.2 e permettono di definire delle strutture dati di tipo struct che per costruzione non possono andare sullo heap ma risiedono sempre sullo stack.

L’impossibilità di andare sullo heap permettono di avere codice sicuramente più leggero dal punto di vista della memoria e che richiede meno interventi del GC, ma porta con se molte limitazioni.

Anche se viene utilizzata la parola chiave “ref” analogamente al passaggio per referenza non centra nulla.

Per approfondire questo e altri concetti consiglio questo articolo.


Per approfondire:

Indice

Share
Ultimi articoli
Join

Newsletter

Nessuno spam, solo articoli interessanti ;)

Focus

Post correlati

semaphoreslim

SmaphoreSlim 101

SemaphoreSlim è una classe che permette la sincronizzazione di n thread che hanno una risorsa (scarsa) condivisa limitandone l’uso ad un numero massimo.

interlocked

Interlocked 101

La sincronizzazione dei thread è un elemento fondamentale nella programmazione asincrona, ne ho infatti parlato in vari post. La soluzione più versatile è sicuramente utilizzare

event

Come testare gli eventi

Testare che degli eventi siano stato effettivamente lanciati in C# non è immediato. Tipicamente è possibile testare che un evento venga lanciato aspettando un ManualResetEvent

Codice Pragmatico

Contatti

Per informazioni, dubbi o consulenze non esitate a contattarmi.

Lascia un messaggio

Ricevi le ultime news

Iscrivi alla newsletter

Solo articoli interessanti, promesso ;)