Cosa sono i delegate?

1. Introduzione

La parte introduttiva dell’articolo è presa direttamente dala documentazione ufficiale MSDN.


Un delegate è un tipo che incapsula un metodo, simile a un puntatore a funzione in C e C++.

A differenza dei puntatori a funzione, tuttavia, i delegati sono orientati a oggetti, indipendenti dai tipi e sicuri.

Un delegate deve essere usato per comunicare all’utilizzatore della classe sviluppata: “Sentiti libero di usare qualsiasi metodo che rispetta la firma che ti fornisco e questo verrà chiamato correttamente”.

I delegate sono utili per offrire all’utilizzatore dei miei oggetti l’abilità di personalizzarne il comportamento, separando in ogni caso la classe dal suo utilizzatore.

Spesso è possibile ottenere lo stesso comportamento con modalità alternative all’utilizzo dei delegate (un esempio è l’utilizzo del pattern Strategy), ma spesso questi sono il modo più semplice e pulito per ottenere questi comportamenti.

Nell’esempio seguente viene dichiarato un delegato denominato Del che può incapsulare un metodo che accetta una stringa come argomento e restituisce void:

public delegate void Del(string message);

Un oggetto delegato viene normalmente creato in due modi:

  • fornendo il nome del metodo di cui il delegato eseguirà il wrapping
  • con un metodo anonimo (funzioni lambda)

I parametri passati al delegato dal chiamante vengono passati al metodo e il valore restituito, se presente, dal metodo viene restituito al chiamante dal delegato.

Se creasi una funzione con la stessa firma del delegato, posso richiamarla in questo modo:

//Stessa firma del delegate
public static void DelegateMethod(string message){
System.Console.WriteLine(message);
}

// Istanzio un oggetto di tipo Del con la funzione sopra
Del handler = DelegateMethod;

// Chiamo la funzione
handler("Hello World");

Poiché l’istanza del delegato è un oggetto, può essere passata come parametro o assegnata a una proprietà; in questo modo un metodo può accettare un delegato come parametro e chiamare il delegato in un secondo momento.

Questa operazione è nota come callback asincrono ed è un metodo comune per notificare un chiamante al termine di un processo lungo.

Quando un delegato viene usato in questo modo, per il codice che usa il delegato non è richiesta alcuna conoscenza dell’implementazione del metodo in uso. La funzionalità è simile all’incapsulamento fornito dalle interfacce.

Un altro utilizzo comune dei callback è la definizione di un metodo di confronto personalizzato e il passaggio di tale delegato a un metodo di ordinamento. Consente al codice del chiamante di entrare a far parte dell’algoritmo di ordinamento. Nell’esempio di metodo seguente viene usato il tipo Del come parametro:

public void MethodWithCallback(int param1, int param2, Del callback)
{
  callback("The number is: " + (param1 + param2).ToString());
}

È quindi possibile passare il delegato creato in precedenza a tale metodo:

MethodWithCallback(1, 2, handler);

E ottenere come risultato:

The number is: 3

2. Multicasting

Assumiamo di aver definito la seguente classe

public class MethodClass
{
  public void Method1(string message) { }
  public void Method2(string message) { }
}

Un delegato può chiamare più di un metodo, quando viene richiamato. Questo processo viene definito multicasting. Per aggiungere un ulteriore metodo all’elenco dei metodi del delegato (l’elenco chiamate), è necessario semplicemente aggiungere due delegati usando gli operatori addizione o di assegnazione di addizione (“+” o “+=”).

Ad esempio:

MethodClass obj = new MethodClass();
Del d1 = obj.Method1;
Del d2 = obj.Method2;
Del d3 = DelegateMethod;

//Both types of assignment are valid.

Del allMethodsDelegate = d1 + d2;
allMethodsDelegate += d3;

A questo punto allMethodsDelegate contiene tre metodi nel relativo elenco chiamate: Method1, Method2 e DelegateMethod.

Quando si richiama allMethodsDelegate, tutti e tre i metodi vengono chiamati nell’ordine.

Se il delegato usa parametri di riferimento, il riferimento viene passato in sequenza a ciascuno dei tre metodi a turno e le eventuali modifiche apportate da un solo metodo saranno visibili al metodo successivo.

Per rimuovere un metodo dall’elenco chiamate, usare l’operatore di decremento o l’operatore di decremento di assegnazione (“-” o “-=”’). Ad esempio:

//remove Method1
allMethodsDelegate -= d1;

// copy AllMethodsDelegate while removing d2
Del oneMethodDelegate = allMethodsDelegate - d2;

I delegati multicast vengono ampiamente usati nella gestione degli eventi.

3. Metodi anonimi ed espressioni lambda

(questa sezione proviene da questo post)
Di solito per assegnare una funzione a un delegato si scrive la funzione separatamente e si assegna al delegato il nome della funzione, invece con i metodi anonimi si può assegnare direttamente la funzione stessa, ecco un esempio:

delegate int MyDelegate(int a);
...

MyDelegate d = delegate(int a) { return a * 10; }

In questo modo non è necessario creare un metodo apposta. I metodi anonimi possono essere utili in vari casi ad esempio per passare la funzione di avvio di un thread.

Thread t = new Thread(
  delegate()
  {
    thread code ... ;
  });
t.Start();

Una particolare forma di metodo anonimo sono le lambda expression utilizzate ad esempio in LINQ.

Nelle espressioni lambda compare l’ operatore lambda “=>” che si legge “fino a”, alla sua sinistra vi sono i parametri di input (possono mancare) e alla sua destra il codice del metodo, che spesso si riduce ad una espressione, ma può essere complesso a piacere, quindi:

parametri => metodo

Ora assumiamo di aver definito il seguente delegato:

delegate int MyFunc(int i);

Questo può essere inizializzato con due modalità, un metodo anonimo o una espressione lambda:

// Esempio con metodo anonimo:
MyFunc p = delegate(int i) { return i * 10; }

// La stessa cosa con una lambda expression
MyFunc p = i => i* 10;

In questo caso il compilatore deduce il tipo di ’i’ e del valore di ritorno in base al tipo del delegato.

Qualora via siano più parametri scrivo

(x, y) => x + y;

Si possono specificare anche i tipi dei parametri in ingresso quando il compilatore non li può dedurre:

(double x, string s) => s.Length + x;

Infine quando non vi sono parametri si usano le parentesi vuote:

() => DateTime.Now.Year % 2000;

Se invece il metodo contiene più parametri devo racchiuderlo tra parentesi graffe:

p => { int a = p * 2; return a + 1; }

4. I delegate e i generics

Essendo i delegate delle classi, è possibile sfruttare i generics per creare delle strutture facilmente riutilizzabili e versatili.

All’interno del framework .NET sono presenti un gran numero di delegate generici già fatti da poter riutilizzare, in particolare seguenti:
Action: Action<TParameter>: un delegate che prende da 0 a 8 parametri in ingresso e non ritorna nulla
Func: Func<TParameter, TResult>: un delegate che prende da 0 a 8 parametri in ingresso e che ritorna un valore o una referenza (di tipo TResult)
Predicate: è un wrapper di Func<T, bool>, viene usata per il compare di oggetti.

Analizziamoli uno ad uno.

4.1 Func<TParameter, TOutput>

Func è logicamente simile all’implementazione base dei delegate. La differenza è il modo in cui questa viene dichiarata:

Func<string, int, int> tempFuncPointer;

I primi due parametri sono i parametri in ingresso del metodo, mentre l’ultimo parametro è un parametro in out che deve essere il tipo di dato di ritorno dal metodo.

Func<string, int, int> tempFuncPointer = tempObj.FirstTestFunction;
int value = tempFuncPointer("hello", 3);

4.2 Action<TParameter>

Action è usato quando la funzione non ha parametri in uscita.

Action<string, int> tempActionPointer;

Analogamente a Func, i parametri indicati sono i parametri in ingresso alla funzione, con la differenza che questa non ne ritorna nessuno.

Action<string, int> tempActionPointer = tempObj.ThirdTestFunction;
tempActionPointer("hello", 4);

4.3 Predicate<in T>

Predicate è un tipo Func che ritorna un valore booleano. E’ spesso usato nell’analizi di liste di oggetti.

La dichiarazione è la seguente

Predicate<Employee> tempPredicatePointer;

in questo caso la funzione tempPredicatePointer prende in ingresso un oggetto Employee e ritorna true se Employee.age < 27:

public bool FourthTestFunction(Employee employee)
{
  return employee.Age < 27;
}

5. Delegate come interfacce anonime

La seguente idea proviene da questo post di Mark Seemann.


I delegate possono essere visti a tutti gli effetti come interfacce anonime formate da un solo metodo.

Consideriamo un semplice esempio, ho la classe MyClass che che possiede un metodo DoStuff. Questo metodo prende in ingresso un oggetto astratto (IMyInterface) che deve avere il metodo DoIt il quale, data una stringa, fornisce un intero.

Nella programmazione ad oggetti classica abbiamo:

public interface IMyInterface
{
  int DoIt(string message);
}

public string DoStuff(IMyInterface strategy)
{
  return strategy.DoIt("Ploeh").ToString();
}

Ma definire una nuova interfaccia solo per fare questo non è necessario, possiamo utilizzare il tipo Func<string, int> nel seguente modo:

public string DoStuff(Func<string, int> strategy)
{
  return strategy("Ploeh").ToString();
}

Questo metodo ci risparmia sia di definire una nuova interfaccia, che di implementare tale interfaccia per definire il metodo DoStuff.

Possiamo invece definire il codice scritto sopra con una lambda function:

string result = sut.DoStuff(s => s.Count());

Ovviamente questa tecnica funziona bene quando ho l’astrazione di un singolo metodo: appena la mia struttura prevede l’introduzione di un secondo metodo, l’utilizzo di un interfaccia o di una classe astratta è obbligatorio.

6. Delegate per evitare lo switch case

In accordo con la antiifcampaign è una pratica di buona programmazione ridurre al minimo l’utilizzo degli if basati sul confronto tra una variabile e n costanti, come nel seguente esempio:

if(input == "foo")
{
  Writeln("some logic here");
}
else if(input == "bar")
{
  Writeln("something else here");
}
else if(input == "raboof")
{
  Writeln("of course I need more than just Writeln");
}

Esistono due modalità di buona programmazione che eliminano questo caso:

  • il pattern strategy (che approfondirò in un articolo successivo);
  • i delegate.

Analizziamo il secondo metodo: creiamo un dizionario che associa una stringa ad una funzione delegata

delegate void DoStuff();
IDictionary<string, DoStuff> dict = new Dictionary<string, DoStuff>();
dict["foo"] = delegate { Console.WriteLine("some logic here"); };
dict["bar"] = delegate { Console.WriteLine("something else here"); };
dict["raboof"] = delegate { Console.WriteLine("of course I need more than just Writeln"); };

Ogni funzione presente come valore nel dizionario indica una logica da implementare nell’if.

Per richiamare la funzione corretta in base alla variabile input basta eseguire il seguente codice:

dict["foo"]();

Indice

Share
Ultimi articoli
Join

Newsletter

Nessuno spam, solo articoli interessanti ;)

Focus

Post correlati

semaphoreslim

SmaphoreSlim 101

SemaphoreSlim è una classe che permette la sincronizzazione di n thread che hanno una risorsa (scarsa) condivisa limitandone l’uso ad un numero massimo.

interlocked

Interlocked 101

La sincronizzazione dei thread è un elemento fondamentale nella programmazione asincrona, ne ho infatti parlato in vari post. La soluzione più versatile è sicuramente utilizzare

event

Come testare gli eventi

Testare che degli eventi siano stato effettivamente lanciati in C# non è immediato. Tipicamente è possibile testare che un evento venga lanciato aspettando un ManualResetEvent

Codice Pragmatico

Contatti

Per informazioni, dubbi o consulenze non esitate a contattarmi.

Lascia un messaggio

Ricevi le ultime news

Iscrivi alla newsletter

Solo articoli interessanti, promesso ;)